ENTRA
[wp-members page="login"]
Click here to register
Brindiamo ad un'esperienza unica

Calendario Eventi

luglio
Cena dei Soci e degli Amici di Strada Reale dei Vini Torinesi 6
settembre
Il tour di Somewhere alla Sacra di San Michele 30

Multimedia

Ultimo video

Ultime fotografie

Visitare

Attraversando splendidi paesaggi vitati potrai ammirare il ricco patrimonio culturale della provincia di Torino: oltre alle sontuose residenze dei Savoia, come la magnifica Reggia di Venaria, sono imperdibili la Sacra di San Michele, il Forte di Fenestrelle e i Castelli del Canavese. Affascinante e articolato il ventaglio di itinerari tematici, come la Via Francigena, e di sentieri escursionistici. Torino offre meravigliosi musei, caffè storici e tante bellezze architettoniche: qui la Strada Reale ti sorprenderà con i vigneti di Villa della Regina.

Residenze reali

Palazzo Reale

Questa lussuosa residenza ben rappresenta lo spirito del potere sabaudo: tutto il genio degli architetti Carlo e Amedeo di Castellamonte e Filippo Juvarra si potè esprimere nei lavori di ampliamento compiuti fra il Seicento e il Settecento sulla facciata e sugli interni. Il palazzo abbraccia i giardini progettati da André Le Nôtre, architetto di corte a Versailles.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata a Palazzo Reale.

Palazzo Madama

Emblema della stratificazione storica della città, Palazzo Madama riassume in sé diverse epoche e ne conserva le tracce: fu porta della Augusta Taurinorum romana, castello medievale e residenza di due Madame Reali. Dello Juvarra sono la facciata nell’elegante stile dell’epoca e lo scenografico ingresso con scalone monumentale. Oggi è sede della ricchissima collezione del Museo Civico d’Arte Antica.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata a Palazzo Madama.

Palazzo Carignano

Originalissimo edificio in cui vennero alla luce i re Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II, fu realizzato fra il 1679 e il 1684 da Guarino Guarini, ispiratosi ai progetti del Bernini per il Louvre di Parigi. È una struttura dal grande fascino: una facciata è barocca, con un particolare andamento curvilineo, la facciata opposta è ottocentesca. Fu sede del primo Parlamento Italiano.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata a Palazzo Carignano.

Villa della Regina

Villa della Regina, con vista panoramica sulla città, fu progettata nella prima metà del Seicento sul modello delle ville romane: ampie sale, ricchi scaloni, scenografiche decorazioni e un giardino con splendide sculture, fontane e viali fioriti. La posizione sul morbido versante collinare ne fece da subito anche luogo ideale per la “vigna reale”, che è stata recentemente ripristinata.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata a Villa della Regina.

Castello del Valentino

Elegante residenza in stile francese opera di Carlo e Amedeo di Castellamonte: quattro torri cingono la struttura creando una corte perfettamente inserita nello splendido Parco del Valentino, con vista sulla Collina Torinese. È stato il paesaggista autore dei giardini di Parigi a progettare l’area verde più amata della città, che ospita anche una notevole fontana monumentale e l’Orto Botanico.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata al Castello del Valentino.

Reggia di Venaria

La suprema eleganza della Reggia di Venaria lascia senza parole: allo spettacolare complesso voluto da Carlo Emanuele II si alternarono i più importanti architetti del Seicento, fra cui Amedeo di Castellamonte, Filippo Juvarra e Benedetto Alfieri. La visita permette di attraversare ambienti magnifici e curatissimi giardini, recentemente riportati alla straordinaria bellezza del XVII secolo.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata alla Reggia di Venaria.

Castello de La Mandria

Nel parco de La Mandria Vittorio Emanuele II si dedicava a due gradi passioni: la caccia e la cortigiana soprannominata “Bela Rosin”, a cui è stato dedicata una particolarissima costruzione immersa nel verde. Gli appartamenti reali consentono di ammirare gli arredi originali e gli oggetti d’epoca in un ambiente semplice, dove il sovrano poteva rilassarsi lontano dall’etichetta ufficiale.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata al Castello de La Mandria.

Castello di Rivoli

Antico maniero rivisitata da Carlo di Castellamonte all’inizio del XVII secolo, nel 1693 fu incendiato dalle truppe francesi. La ricostruzione fu affidata a Filippo Juvarra, che ideò una magnifica reggia che avrebbe gareggiato in grandiosità con quelle degli altri regnanti europei. L’ambizioso progetto, testimoniato da schizzi e disegni, rimase incompiuto. Dal 1984 è sede del Museo d’Arte Contemporanea.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata al Castello di Rivoli.

Castello di Moncalieri

L’imponente forte costruito intorno al 1100 per proteggere l’accesso sud della città venne rielaborato fra Seicento e Settecento da Carlo e Amedeo di Castellamonte, Benedetto Alfieri e Filippo Juvarra diventando una delle sedi più attive per la vita di corte. Sede di studio dei giovani principi nell’Ottocento, è stato anche residenza di regine madri e principesse reali.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata al Castello di Moncalieri.

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Nata nella prima metà del ‘700 dal genio di Filippo Juvarra ha una struttura a croce di Sant’Andrea a partire da un grande salone centrale di forma ellittica. I lavori vennero terminati da altri architetti nel 1766 con il posizionamento del cervo in bronzo sulla cupola centrale. Arricchita da pregevoli esempi di decorazione, affresco ed ebanisteria, dal 1919 ospita il ricco Museo dell’Arredamento.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata alla Palazzina di caccia di Stupinigi.

Castello Ducale di Agliè

A partire dal 1642, i Savoia affidarono i lavori di restauro di questa struttura del XII secolo ad Amedeo di Castellamonte, che creò un doppio fronte verso il borgo e verso i magnifici giardini all’inglese e all’italiana. Fra fine Settecento e inizio Ottocento due interventi sugli appartamenti potenziarono la bellezza delle oltre 300 stanze, fra cui spicca un grande salone da ballo affrescato.
Per scoprire tutte le informazioni utili ti consigliamo di visitare la pagina dedicata al Castello Ducale di Agliè.

Castello di Masino

Grazie alla sua posizione strategica ha origini molto antiche. Il Castello, in origine una semplice fortificazione, venne ricostruito nelle forme attuali nel Seicento. Appartenne alla famiglia Valperga, che lo abitò fino al 1987. I Conti di Masino parteciparono nei secoli alla vita politica delle corti europee e soprattutto di quella sabauda. Dichiarato monumento di alto interesse storico artistico dal ministero per i Beni Culturali, il Castello è attualmente proprietà del FAI.
Per scoprire tutti i dettagli sul Castello ti consigliamo di visitare il sito del FAI