ENTRA
[wp-members page="login"]
Click here to register
Brindiamo ad un'esperienza unica

Calendario Eventi

Nessun elemento

Al momento non ci sono record in questa sezione

Multimedia

Ultimo video

Ultime fotografie

La tua posizione è: News > Nasce la Federazione Strade del Vino e dei Sapori del Piemonte

Nasce la Federazione Strade del Vino e dei Sapori del Piemonte

L’11 aprile 2019, a Torino, è stata costituita la Federazione delle Strade del Vino e dei Sapori del Piemonte.

La Federazione regionale piemontese ha sede a Tortona e comprende la Strada Reale dei Vini Torinesi, la Strada del Barolo e dei grandi Vini di Langa, la Strada del Riso Vercellese di Qualità, la Strada del Vino e dei Sapori dei Colli Tortonesi e la Strada del Vino Astesana.

Grazie a questo atto, il Piemonte viene rappresentato a livello nazionale tra le regioni italiane all’interno della Federazione Nazionale Strade del vino, dell’Olio e dei Sapori.

Il Presidente Walter Massa dichiara – “Il momento storico che stiamo vivendo viene colto dagli amministratori più sensibili di tutti gli ambiti territoriali e ha responsabilizzato le Strade del vino e dei Sapori d’Italia ad essere supervisori delle piccole grandi cose che da sempre sono nate e si sono prodotte nei nostri territori.

La Federazione delle Strade del Vino e dei Sapori del Piemonte nasce con l’obiettivo di promuovere e raccontare le eccellenze del territorio e potenziare i prodotti del Paniere Regionale rafforzandone l’immagine.
Per raggiungere gli obiettivi prefissati, sono già in programma tante iniziative sul turismo rurale, enogastronomia e culturale.

L’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte sottolinea l’importante della nascita della nuova Federazione – “Per la promozione dell’agroalimentare e per incentivare lo sviluppo turistico è fondamentale che si faccia sinergia a livello locale, impegno che hanno assunto i soggetti che hanno costituito la Federazione. Il nuovo testo unico sull’agricoltura, la legge regionale 1 del 2019, riconosce le Strade del vino e dei prodotti agroalimentari, insieme alle enoteche regionali, alle botteghe del vino, ai distretti del cibo, quali strumenti di valorizzazione delle produzioni di qualità, del paesaggio, della cultura e del turismo rurale.”