ENTRA
[wp-members page="login"]
Click here to register
Brindiamo ad un'esperienza unica

Calendario Eventi

Nessun elemento

Al momento non ci sono record in questa sezione

Multimedia

Ultimo video

Ultime fotografie

La tua posizione è: News > Il Bianco del Fuoco di Prever

Il Bianco del Fuoco di Prever

Un misterioso Vitigno d’origine francese, impiantato nel 1965 in un’unica vigna della Val Sangone.

bianco-del-fuoco-di-prever

Il vino deriva il suo nome da un incendio che attraversò la vigna e i boschi limitrofi, danneggiando le viti, ma lasciandole vive.

Vitigno particolarmente adatto per la coltivazione biologica, con vendemmia precoce, rustico e poco soggetto alle malattie, caratterizzato da scarsa produttività.

bianco_del_fuoco_prever_bottiglia-300Origine: Piemonte

Produttore: Prever Azienda Agricola Vitivinicola

Tipo vino: Vino bianco fermo e secco

Terreno: Argilloso, povero, piena esposizione a sud

Coltivazione: Biologica in conversione, inerbimento controllato. La raccolta delle uve è effettuata a mano

Vinificazione: Fermentazione a temperatura controllata, maturazione in acciaio e affinamento in bottiglia

Caratteristiche: Vino bianco, dal colore giallo tenue con note verdoline, al profumo sentori vegetali di macchia mediterranea. Buona freschezza, al gusto frutta e sentori di nocciola con una caratteristica nota di mandorla in finale Intenso e persistente in bocca

Grado alcoolico: 12,5°

Abbinamenti: Aperitivi, antipasti, carni bianche, piatti a base di pesce o verdura

La ricetta per il piatto in abbinamento:

Lepre in salsa

Friggere un pezzo di lardo con burro, cipolla, erbe odorose, un sacchetto di spezie, poi si mettono i pezzi ben asciutti a colorire e si versa sopra un bicchiere di marsala. Cuocere adagio per tre ore aggiungendo brodo. Nell’ultima mezz’ora aggiungere il fegato ben trito, il resto delle frattaglie e il sangue mescolato con un cucchiaio di farina bianca e si rimesta “forte”.

Fonte della ricetta:

Tratto dal libro: “Villarbasse, quando fumavano i comignoli” di Virginia Brayda Gozzi e Giuseppina Coletto Baldovino.

Azienda Vitivinicola Prever